LA NOSTRA STORIA

ADVENTURE

LO SPIRITO DELLA SCOPERTA

 

 

Se esiste, dobbiamo conquistarlo

Lo spirito della scoperta alimenta il fuoco della passione in ogni triumphista. Vivere avventure leggendarie e tutta l’emozione di scoprire cosa ci attende dietro la prossima curva. Perché potrebbe essere un’immagine indimenticabile, destinata a tramutarsi in un ricordo indelebile. 

Questo è lo spirito dei pionieri, dei rivoluzionari: uomini e donne per cui percorrere un chilometro in più di chi li ha preceduti è la ragione che li fa alzare ogni mattina. 

Ogni grande esploratore brama l’ignoto, il piacere intimo e segreto di essere il primo a raggiungere l’inesplorato, ad andare dove nessun altro è mai stato prima. Più in alto. Più lontano. Più a fondo negli abissi dell’ignoto per riemerge trionfante... un pioniere.

Può significare montare gomme chiodate per affrontare la neve e il ghiaccio, ignorare il terrificante strapiombo che ti accompagna sempre al tuo fianco nella salita, dare gas nel fango e nella ghiaia per conquistare territori inesplorati. Più grande è la sfida, più forte è l’emozione.

 

 

 L’uomo che diede inizio a tutto, aprendo la strada alle imprese avventurose su due ruote e ispirando migliaia di motociclisti nel mondo. L’uomo che divenne il primo ad affrontare un viaggio intorno al mondo su una Triumph Tiger 100 da 500 cc nel 1973. Gli ci vollero quattro anni, durante i quali macinò qualcosa come 103.000 km in 45 nazioni. Il libro di Simon, “I viaggi di Jupiter”, è tutt’oggi considerato una lettura fondamentale per chiunque desideri intraprendere un’avventura in moto.

Image Source: http://jupiterstravellers.org

http://jupiterstravellers.org - *HAVE CONTACTED JUPITER'S TRAVELLERS/TED SIMON FOUNDATION FOR APPROVAL TO USE IMAGE

IL CAPOSTIPITE DELL’AVVENTURA

LA FIDATA TIGER DI TED

Così come il record di velocità su terra di Bonneville è sinonimo della moto che porta lo stesso nome della celebre piana salata, la Triumph di Ted Simon occupa un posto speciale nella storia. La Tiger resa famosa da Ted, infatti, ha un DNA che si è evoluto nell’arco di 80 anni fino ad arrivare all’odierna moto confortevole, intuitiva e a elevate prestazioni... la storia più lunga di sempre mai vissuta da una moto adventure, persino più della leggendaria Triumph Bonneville. La Transworld Trumpet è probabilmente la moto adventure più celebrata della storia, con la sua caratteristica borsa laterale che ancora sfoggia la mappa dell’avventura vissuta da Ted.

Image Source: http://jupiterstravellers.org

Ted Simon on Triumph Tiger 100 1973

PANAFRICA RALLY

La passione di Triumph per l’avventura e la scoperta continua anche ai nostri giorni. La Tiger Tramontana, un prototipo della nuova Tiger 800 XCA top di gamma, rappresenta la nuova generazione di questa tradizione leggendaria. Per la prima volta in gara nell’arduo Panafrica Rally nel 2017, conquistò un sudato secondo posto nella super competitiva categoria Maxi e aprì la strada alle avventure del Tiger Rally a seguire.

Furono i fratelli Felipe e David Lopez, collaudatori Triumph, a guidare l’assalto nella gara endurance sul deserto marocchino in sella alla Tramontana, un prototipo della Tiger 800 XCA con il nuovo motore a tre cilindri della Tiger. Moto e piloti affrontarono i veterani del Rally Dakar per il primo podio della Tiger, dimostrando ancora una volta le straordinarie capacità fuoristrada del modello.



RHYS LAWREY

Nel 2014, fra un lavoro e l’altro, Rhys Lawrey aveva un desiderio: vivere un’avventura unica. Il ventiduenne montò in sella alla sua Tigger, una Tiger 800 XC, e iniziò un viaggio epico di 14 mesi, 90.000 km e 71 nazioni.

Partito dell’Ace Cafe di Londra, attraversò l’Europa e l’Asia prima di dirigersi verso sud in Australia e rientrare attraverso le Americhe. Dalla sua avventura tornò più vecchio e più saggio, con ben due record del mondo: uno per il più giovane a circumnavigare il mondo e l’altro per il maggior numero di capitali consecutive visitate in sella a una moto.

Durante il viaggio affrontò deserti, montagne e giungle, festeggiando due compleanni lungo la strada insieme alla sua Tigger, che necessitò esclusivamente di una manutenzione standard.

 

Image Source: Rhys Lawery

Rhys Lawrey 2moro rider
Portrait standing next to statue of hand

Lea Rieck

Nel maggio 2016, Lea Rieck decise di averne abbastanza dopo l’ennesimo dibattito su quale lattina di carne in scatola acquistare al supermercato. In poche settimane lasciò il lavoro e iniziò il giro del mondo in sella alla sua Cleo, una Tiger 800 XCA.

Il suo viaggio la condusse dalla Germania alla Russia, alla Cina e all’Asia meridionale via terra, poi ancora verso l’Australia e il Sudamerica, attraversando Stati Uniti e Canada. Lea tornò in Germania alla fine del 2017, riscoprendosi una persona più serena grazie alle esperienze vissute nel sua avventura verso ovest.

Image Source: Lea Rieck

Lea Rieck Riding in mountains

La parte conclusiva del viaggio, attraversando le capitali dell’Europa occidentale “con occhi nuovi”, fu un’ulteriore scoperta per Lea: “Mi resi conto che non occorre percorrere migliaia di chilometri per vivere un’avventura.”

Image Source: Lea Rieck

SCOPRI LA GAMMA TRIUMPH ADVENTURE

UN’AVVENTURA STRAORDINARIA OGNI GIORNO

SCOPRI DI PIÙ